Employer branding

Che cos’è l’employer branding?

L’espressione employer branding è utilizzata per descrivere la reputazione di un datore di lavoro e la sua proposizione di valore nei confornti dei suoi collaboratori. Di norma si usa per differenziare questa la percezione e la proposizione del valore interne del marchio, da quelle esterne rivolte verso i clienti.

Quando nasce l’employer branding?

A parlare per la prima volta di employer branding sono Simon Barrow e Tim Ambler in un articolo pubblicato sul Hournal of Brand Management, nel dicembre del 1996. Il paper venne pubblicato con l’intento di “testare l’applicazione di tecniche di brand management all’ambito della gestione delle risorse umane”.
Nel testo, i due autori definiscono l’employer branding come “il pacchetto di benefici funzionali, economici e psicologici forniti da un impiego e identificati con l’azienda che lo fornisce”.

In sintesi, che cos’è l’employer branding?

Possiamo dunque definire l’employer branding come una serie di azioni e strumenti rivolti verso l’azienda. Partendo dall’ottimizzazione dei processi interni, dalla progettazione del lavoro e della leadership queste azioni e strumenti servono a migliorarne la percezione presso i collaboratori e creare una reputazione in grado di attrarre talenti capaci di migliorare le performance aziendali.

Sviluppa l’engagment verso la tua azienda, contattaci per una consulenza.